Il silenzio

Proviamo a chiudere gli occhi e ad ascoltare per un pò di tempo. Ascoltare il silenzio non si traduce in assenza di suoni, ascoltare il silenzio ti aiuta invece a sentire i suoni del mondo e non i rumori. La bella abitudine di ritagliarsi qualche spazio solo per sè abitua e aiuta la nostra mente a saper riconoscere ciò che vale la pena fermarsi ad ascoltare.

Se ci sediamo in riva al mare, da soli, in una serena giornata d’inverno e con la spiaggia completamente vuota non possiamo far altro che sentire il suono del mare, le onde che arrivano, si infrangono sulla sabbia e tornano nel loro mondo; con la sola nostra compagnia riusciamo a distinguere un suono diverso in ognuno di questi frangenti. Se la stessa cosa proviamo a farla in estate, con la spiaggia piena di donne, uomini e bambini non possiamo far altro che unire a tutto ciò che sentiamo anche il rumore del mare. Da suono a semplice rumore, in mezzo a tanti rumori.

Ritagliarsi degli spazi propri, in cui poter restare soli con se stessi allontanando la dipendenza da tutto ciò che mescolato sentiamo, dalle parole e dalle attività quotidiane è oggi un atto straordinario ma altrettando inusuale. L’uomo sente sempre meno l’esigenza di stare in tranquillità e godere di momenti più o meno lunghi e intensi senza alcuna distrazione.

Ormai non siamo più abituati ad ascoltare il suono del silenzio, e anche se potrebbe portarci a scoprire solo cose positive, siamo sempre troppo diffidenti. Con gli anni però, piano piano, si imparano le sue potenti e misteriose qualità; ci aiuta a dar forma ai nostri pensieri e a poterli trasmettere agli altri in modo interessante, ci insegna a lavorarli e a lasciar scivolare via quelli di poco conto. Ci insegna anche che non è sempre necessario parlare per entrare in contatto intimo con una persona. Esistono dei modi di comunicare molto più profondi delle semplici parole; uno su tutti, gli occhi.

Avete mai provato a guardare negli occhi, in silenzio la persona di cui vi state innamorando o che amate? In questa semplice azione è racchiusa una delle più belle emozioni che il silenzio ci può dare.

Nel silenzio possiamo essere completamente noi, nel silenzio liberiamo i nostri sogni e cerchiamo le risposte alle nostre domande. Il silenzio è un rifugio, il silenzio è una difesa.

Qualcuno potrebbe dire che in fondo non sentiamo realmente l’esigenza di stare in silenzio, così come non sentiamo l’esigenza di comunicare sempre le nostre emozioni o di comunicare in modo estremamente bello e corretto con la scrittura.

Si parla in fretta, senza nemmeno dar peso alle parole; la bellezza di scrivere bene è una pratica ormai in disuso, sommersi come siamo dalla necessità di compiere molte azioni in fretta tendiamo a sintetizzare al minimo i concetti, non dare importanza a ciò che si scrive e a come lo si scrive e ad annullare completamente la punteggiatura. Penso sia un vero peccato perchè una semplice lettera maiuscola o un punto alla fine di una frase possono cambiare completamente l’importanza di ciò che vogliamo esprimere, possono cambiarne l’impatto emotivo per chi è disposto a trovarci il vero senso.

 

Vi faccio un esempio con una delle frasi più belle che possiamo dire e scrivere:

ti amo                   Ti amo.

 

Magari sono io che sono fissata con questi dettagli nella scrittura, ma penso non ci sia paragone. Le prime due parole sembrano scritte con leggerezza, senza volerle far notare, quasi buttate li di fretta senza un vero obiettivo preciso. Nel secondo caso hanno un impatto completamente diverso, sono parole davvero sentite e che si sono prese il loro tempo per essere scritte, la lettera maiuscola e il punto danno un inizio e una fine, danno la meraviglia che serve a ciò che stiamo scrivendo e rendono maestosa l’emozione che vogliamo trasmettere.

Diamo importanza alle parole che usiamo e a come le usiamo, che siano parlate o scritte. E diamo altrettanta importanza al silenzio, perchè ho cominciato a rendermi conto che si può ascoltare il silenzio e imparare da esso.

Ha una qualità e una dimensione tutta sua.

 

Recent Posts

LASCIA UN TUO COMMENTO:

Leave a Comment